Documenti - 3


FRANK WILCZEK - Premio Nobel

Una nuova concezione dell’etere cosmico:

ETERE (Maxwell) = SPAZIO‐TEMP O (Einstein) = GRIGLIA (Wilczek)

Nel panorama scientifico odierno, anche ad altissimo livello, sembra vi siano scienziati che, senza troppo “rumore” stiano adottando nelle loro Teorie, concetti e speculazioni che, pur apparendo nuovi ed originali, si rifanno a concezioni scientifiche ritenute sorpassate che, poste invece sotto una luce “moderna”, trovano nuova vita. Uno di questi, e non certo il meno importante, è Frank Wilczek, Premio Nobel statunitense. Egli, infatti, nei suoi studi ripropone, in modo chiaro e senza patemi, il “vecchio” etere cosmico, dandogli una nuova veste ed un nuovo nome: GRIGLIA Spaziale. Certo si tratta di una concezione dello spazio nuova e diversa da quella dell’etere “classico”, ma, ritenere lo Spazio “pieno” anziché “vuoto”, è davvero un fatto, oggi, non trascurabile! Per i nostri lettori, proponiamo dal suo magnifico libro «La leggerezza dell'essere. La massa, l'etere e l'unificazione delle forze», il capitolo ottavo dal titolo: La Griglia (persistenza dell’etere).


MARIO AGRIFOGLIO - Artista e Scienziato

Studioso autodidatta autore di una nuova concezione cosmologica definita “Compensazionistica”

Tra i molti ricercatori critici della Relatività Einsteniana e delle conseguenze che questa ha avuto sulla Fisica moderna, si annovera anche il Prof. Mario Agrifoglio, artista e scienziato, sostenitore, con una sua visione originale, dell’Etere Cosmico ed autore di una nuova teoria fisica denominata “compensazionista” con la quale fornisce, dei fenomeni fisici già noti e non, nuove clamorose interpretazioni.

Lo spunto che ci ha fatto inserire nell’ambito del sito di PsicoBioFisica gli studi di questo studioso, ci è stato dato dal ritrovamento di una comunicazione, datata 23 /12 /1991, del prof. Agrifoglio destinata al Prof. Marco Todeschini, con la quale si invitava quest’ultimo ad iscriversi al “Comitato Scientifico Nuova Riforma”, istituito appunto dall’Agrifoglio, allegata alla quale vi era una relazione descrittiva sommaria della sua nuova disciplina scientifica.


FRANCESCO RACANELLI

MEDICO E GUARITORE - IDEATORE DELLA COSIDDETTA "MEDICINA BIORADIANTE”

Amico e Collaboratore del Prof. Marco Todeschini

Perché parlare di un medico-guaritore in un contesto dedicato alla PSICOBIOFISICA del Prof. Ing. Marco Todeschini?

Per chi conosce l’opera del Todeschini ed il contenuto della sua Scienza Universale, la risposta viene da sé. Infatti è proprio nella PSICOBIOFISICA che si trova la ragione scientifica del fenomeno “bioradiante” con il quale i cosiddetti guaritori riescono a lenire ed anche a guarire i malanni dell’Uomo. Per cui non siamo “fuori tema”, anzi, e poiché l’argomento, ancora oggi, è piuttosto controverso, riteniamo non vi sia modo migliore per dimostrare la “realtà” del fenomeno, che quello di far conoscere un “vero” guaritore, il cui operato è stato universalmente riconosciuto.

Si tratta del Dott. Francesco Racanelli (1904 – 1978), del quale il nostro Prof.

Todeschini appuntava nella sua Rubrica personale le seguenti note:

"Era mio carissimo amico e collaboratore".