Documenti - 3


PIETRO UBALDI

Filosofo, Mistico, Autore de: «La Grande Sintesi»

sintesi e soluzione dei problemi della scienza e dello spirito

Nato in una regione influenzata dalla vicinanza con Assisi e impregnata di spiritualità francescana, iniziò la scuola nel 1891, proseguì gli studi a Roma e si laureò in Diritto nel giugno del 1910. Integrò gli studi scolastici leggendo molto, studiò inoltre pianoforte ed apprese l'inglese, il francese e il tedesco. Tra il 1932 e il 1935, scrisse il libro “La Grande Sintesi”, nel quale espose il suo pensiero, messo all'indice nel 1939, poi riammesso da papa Giovanni XXIII. A questi anni appartengono dieci dei libri da lui scritti A 65 anni nel 1951, dopo aver scritto dieci libri, lasciò l'insegnamento e andò in pensione. Fu invitato a fare in Brasile un giro di conferenze tra luglio e dicembre del 1951 e nel 1952 si trasferì definitivamente con la famiglia a São Vicente, presso Santos, nello stato di São Paulo, e qui scrisse altri quattordici volumi, dichiarando conclusa la sua opera nel giorno di Natale del 1971. Può sembrare “strana” questa pubblicazione, nella quale si vuole ricordare un personaggio assai particolare quale fu il Prof. Pietro Ubaldi. Ma una ragione c’è! Anzi ve ne sono più di una e tutte riguardano il “nostro” Prof. Marco Todeschini e la sua PsicoBioFisica. Tra la corrispondenza lasciataci dal Todeschini, si trova una cartolina (che qui alleghiamo) scritta dall’amico fraterno Dott. Giulio Petroni, insigne clinico, al Prof. Ubaldi, con la quale, oltre ad esprimere un sincero apprezzamento per la sua Opera, esprime anche il desiderio che questi possa incontrare nuovamente il Prof. Todeschini per un proficuo scambio di idee.


LA TEORIA DELLE APPARENZE (PSICO‐BIO‐FISICA) di Marco Todeschini (seconda parte)

di GIOVANNI GUAZZELLI

Dottore in Chimica e Farmacia, amico e collaboratore del Prof. Marco Todeschini

In questa dispensa del mese di agosto 2019, vogliamo presentare la 2^ parte del libro scritto dal Dott. Giovanni Guazzelli, dal titolo LA TEORIA DELLE APPARENZE di Marco Todeschini (PSICOBIOFISICA) del quale abbiamo pubblicato la prima parte nel mese di marzo 2019.

Come già evidenziato, in questo volume, l’Autore ripercorre uno per uno i vari capitoli che compongono la Teoria delle Apparenze, scritta dal Prof. Marco Todeschini, e pubblicata in Bergamo nel 1949. Di ciascuno di essi, il Guazzelli, fornisce una sintesi estremamente concisa, ma sempre lucida ed esaustiva, tralasciando i contenuti fisico-matematici, per essere accessibile anche ai “non addetti”.


PSICOBIOFISICA

Bollettino di Informazione n.7

Negli anni ‘50 del secolo scorso, il Movimento Psicobiofisico S. Marco, fondato dal Prof. Dott. Ing. Marco Todeschini, pubblicava periodicamente un “Bollettino di Informazioni” dedicato agli sviluppi, progressi, notizie, sulla PsicoBioFisica.

Purtroppo, non tutti i “Bollettini” sono rimasti a disposizione e la reperibilità di quelli rimasti risulta assai difficile.

Fra quanti faticosamente recuperati, riportiamo, nell’inserto di questo mese, una parte del Bollettino n. 7 del 1954, nel quale vengono illustrati i motivi fondanti della Nuova Scienza Unitaria, sorta con la pubblicazione della “Teoria delle Apparenze”.

La lettura di questo documento, ci porta con chiara evidenza, a quello spirito “umanista”, che a volte rasenta anche note di ingenuità, che contraddistinse tutto il “Movimento”, portato sinergicamente verso obiettivi visionari ed utopici, sempre però rivolti al bene dell’Umanità.


LA TEORIA DELLE APPARENZE (PSICO‐BIO‐FISICA) di Marco Todeschini (prima parte)

di GIOVANNI GUAZZELLI

Dottore in Chimica e Farmacia, amico e collaboratore del Prof. Marco Todeschini

Il Dott. Giovanni Guazzelli (1904 - 1973), conosciuto nel 1950 in occasione di una Conferenza tenuta a Lucca per conto della locale Accademia, fu intimo amico e collaboratore del Prof. Todeschini, diventando a pieno titolo Membro Effettivo del Centro Internazionale di Psicobiofisica.

 

In questa dispensa del mese di marzo 2019, vogliamo presentare la 1^ parte di un libro scritto dal Dott. Giovanni Guazzelli, dal titolo LA TEORIA DELLE APPARENZE di Marco Todeschini (PSICOBIOFISICA).

L'Autore, ripercorre uno per uno, i vari capitoli che compongono la Teoria delle Apparenze, scritta dal Prof. Marco Todeschini, e pubblicata in Bergamo nel 1949. Di ciascuno di essi, il Guazzelli, fornisce una sintesi estremamente concisa, ma sempre lucida ed esaustiva, tralasciando i contenuti fisico-matematici, per essere accessibile anche ai “non addetti”.


RASSEGNA STAMPA (1949 – 1972)

MARCO TODESCHINI

Articoli di suo pugno pubblicati su quotidiani e riviste dell’epoca

Successivamente alla pubblicazione della Teoria delle Apparenze (agosto 1949) del Prof. Dott. Ing. Marco Todeschini, in moltissimi quotidiani e riviste italiani ed esteri, furono pubblicati articoli, notizie, commenti intesi ad illustrare ed informare i lettori sulla nuova scienza, descrivendone le caratteristiche e le novità scientifiche oltre che il suo impatto sul mondo accademico, scientifico e culturale.

 

Fra quegli articoli meritano particolare attenzione quelli redatti direttamente di suo pugno dallo Scienziato, con i quali preferisce illustrare, in prima persona, la sua Teoria PsicoBioFisica, in modo tale da esprimere il suo pensiero senza intermediazioni e perciò senza imprecisioni o cattive interpretazioni.

 


FRANK WILCZEK - Premio Nobel

Una nuova concezione dell’etere cosmico:

ETERE (Maxwell) = SPAZIO‐TEMP O (Einstein) = GRIGLIA (Wilczek)

Nel panorama scientifico odierno, anche ad altissimo livello, sembra vi siano scienziati che, senza troppo “rumore” stiano adottando nelle loro Teorie, concetti e speculazioni che, pur apparendo nuovi ed originali, si rifanno a concezioni scientifiche ritenute sorpassate che, poste invece sotto una luce “moderna”, trovano nuova vita. Uno di questi, e non certo il meno importante, è Frank Wilczek, Premio Nobel statunitense. Egli, infatti, nei suoi studi ripropone, in modo chiaro e senza patemi, il “vecchio” etere cosmico, dandogli una nuova veste ed un nuovo nome: GRIGLIA Spaziale. Certo si tratta di una concezione dello spazio nuova e diversa da quella dell’etere “classico”, ma, ritenere lo Spazio “pieno” anziché “vuoto”, è davvero un fatto, oggi, non trascurabile! Per i nostri lettori, proponiamo dal suo magnifico libro «La leggerezza dell'essere. La massa, l'etere e l'unificazione delle forze», il capitolo ottavo dal titolo: La Griglia (persistenza dell’etere).


MARIO AGRIFOGLIO - Artista e Scienziato

Studioso autodidatta autore di una nuova concezione cosmologica definita “Compensazionistica”

Tra i molti ricercatori critici della Relatività Einsteniana e delle conseguenze che questa ha avuto sulla Fisica moderna, si annovera anche il Prof. Mario Agrifoglio, artista e scienziato, sostenitore, con una sua visione originale, dell’Etere Cosmico ed autore di una nuova teoria fisica denominata “compensazionista” con la quale fornisce, dei fenomeni fisici già noti e non, nuove clamorose interpretazioni.

Lo spunto che ci ha fatto inserire nell’ambito del sito di PsicoBioFisica gli studi di questo studioso, ci è stato dato dal ritrovamento di una comunicazione, datata 23 /12 /1991, del prof. Agrifoglio destinata al Prof. Marco Todeschini, con la quale si invitava quest’ultimo ad iscriversi al “Comitato Scientifico Nuova Riforma”, istituito appunto dall’Agrifoglio, allegata alla quale vi era una relazione descrittiva sommaria della sua nuova disciplina scientifica.


FRANCESCO RACANELLI

MEDICO E GUARITORE - IDEATORE DELLA COSIDDETTA "MEDICINA BIORADIANTE”

Amico e Collaboratore del Prof. Marco Todeschini

Perché parlare di un medico-guaritore in un contesto dedicato alla PSICOBIOFISICA del Prof. Ing. Marco Todeschini?

Per chi conosce l’opera del Todeschini ed il contenuto della sua Scienza Universale, la risposta viene da sé. Infatti è proprio nella PSICOBIOFISICA che si trova la ragione scientifica del fenomeno “bioradiante” con il quale i cosiddetti guaritori riescono a lenire ed anche a guarire i malanni dell’Uomo. Per cui non siamo “fuori tema”, anzi, e poiché l’argomento, ancora oggi, è piuttosto controverso, riteniamo non vi sia modo migliore per dimostrare la “realtà” del fenomeno, che quello di far conoscere un “vero” guaritore, il cui operato è stato universalmente riconosciuto.

Si tratta del Dott. Francesco Racanelli (1904 – 1978), del quale il nostro Prof.

Todeschini appuntava nella sua Rubrica personale le seguenti note:

"Era mio carissimo amico e collaboratore".