APPUNTAMENTO CON IL CIRCOLO

VENERDI 21 DICEMBRE A POLVERARA (PD)


Materia oscura, nuova teoria punta a risolvere il mistero 

Confermerebbe le previsioni fatte da Einstein un secolo fa

Elisa Buson 06 dicembre 2018

Si profila all'orizzonte una possibile soluzione per il mistero della materia oscura e dell'energia oscura, che costituiscono il 95% dell'Universo. Questi due elementi ad oggi sconosciuti potrebbero in realtà essere un unico fenomeno, una sorta di 'fluido repellente' dotato di massa negativa (che accelera nella direzione opposta a quella in cui viene spinto) e gravità negativa (che respinge ciò che si avvicina): su di esso 'galleggerebbe' la materia ordinaria con massa positiva, secondo una nuova teoria elaborata dall'astrofisico Jamie Farnes dell'Università di Oxford.

 

Pubblicata sulla rivista Astronomy & Astrophysics, la teoria sembrerebbe confermare un'ipotesi fatta un secolo fa da Albert Einstein. Era infatti il 1918 quando il fisico forniva il primo 'indizio' dell'esistenza dell'universo oscuro inserendo nelle sue equazioni un parametro chiamato costante cosmologica, che oggi sappiamo essere sinonimo di energia oscura. 

La descrizione di questa costante data da Einstein sembrava suggerire un universo pieno di materia a massa negativa.

La sua esistenza era stata successivamente esclusa perché si pensava che questa materia sarebbe dovuta diventare sempre più rarefatta a causa dell'espansione dell'universo, mentre le osservazioni indirette sull'energia oscura dimostravano esattamente il contrario.

L'astrofisico di Oxford ha superato questo ostacolo ipotizzando una produzione continua di massa negativa, che così non si diluisce con l'espansione del cosmo. La fondatezza di questa teoria potrà essere verificata in futuro grazie al più grande radiotelescopio del mondo, lo Square Kilometre Array (Ska), in costruzione in Sudafrica e Australia. Se l'ipotesi supererà la prova, "vorrà dire che il 95% dell'universo che non conosciamo ha una elegante soluzione": basterà "includere un semplice segno meno", conclude Farnes.



30° ANNIVERSARIO della morte 

del Prof. Dott. Ing. MARCO TODESCHINI

NOSTRO ARTICOLO GENTILMENTE PUBBLICATO

SU L'ECO DI BERGAMO DELL'11 OTTOBRE 2018


In occasione del 30° anniversario della morte del “nostro” Prof. Dott. Ing. Marco Todeschini, ci piace riproporre anche un articolo tratto dal settimanale OGGI del 16 febbraio 1950, all’indomani della pubblicazione della sua opera fondamentale La Teoria delle Apparenze, nel quale vengono illustrate in modo davvero encomiabile sia la figura che le teorie dello scienziato bergamasco.

Questo articolo descrive in modo semplice, alla portata di tutti, ma allo stesso tempo in maniera esaustiva, quelle che furono la genesi e la sostanza della teoria todeschiniana “delle apparenze”, destando nei lettori quel sentimento di emozione e meraviglia che solo le grandi opere ed i grandi personaggi sanno suscitare.

Nell’occasione vogliamo anche ricordare Antonella, figlia dello scienziato, scomparsa da poco, che sarebbe stata certamente felice di poter partecipare a questa importante ricorrenza.

OGGI – Milano – 16 febbraio 1950

 

HA SCOPERTO L’UNIVERSO NEL GORGO DI UN FIUME

 

Un ingegnere di Bergamo, Marco Todeschini, contesta ad Einstein la priorità della sintesi universale Allorché, il mese scorso, i giornali annunziarono, a grandi titoli, la nuova teoria di Einstein e trascrissero le quattro operazioni con le quali il fisico di Princeton unificava i fenomeni dell’universo astronomico con quelli che governano il mondo dell’atomo, e insieme proclamarono, con meraviglia e stupore, che una grande sintesi era stata compiuta nel campo del sapere umano, ci fu un uomo a Bergamo che non si meravigliò affatto della cosa, e, dato uno sguardo alle quattro formule di Einstein, fece sapere alla stampa che si trattava di roba vecchia e superata, egli l’aveva già compiuta da alcuni anni; non solo: ma che, mentre le equazioni einsteniane aspettavano ancora una conferma sperimentale, egli ne aveva di migliori già sperimentate, controllate e pubblicate in un ponderoso volume, La teoria delle apparenze, edito da qualche mese. (continua)


ROCCO VITTORIO MACRI'

 

In occasione della ricorrenza de 30° anno dalla morte del Prof. Dott. Ing. Marco Todeschini, ci piace proporre ai nostri affezionati lettori due recenti volumi redatti da un suo grande ammiratore ed allievo nei quali, nella lucida disamina dell'attuale situazione scientifico-flosofica, egli ricorda e ripropone il pensiero psico-bio-fisico todeschiniano.


I libri sono in vendita in tutt’Italia e in Europa continentale, oltre che nel Regno Unito, America, Australia, Nuova Zelanda e Canada attraverso Amazon et similia, sia in formato cartaceo che in formato elettronico. Sito: www.episteme3.org.


di Michele Falzone

STEPHEN W. HAWKING in "La grande storia del tempo" Guida ai misteri del cosmo, scrive:

 

La teoria della relatività generale descrive la forza di gravità e la struttura dell’universo su larga scala, vale a dire, in ordini di grandezza che vanno da pochi chilometri a milioni di milioni di milioni di milioni (1 seguito da 24 zeri) di chilometri, le dimensioni dell’universo osservabile.

 

La meccanica quantistica, d’altro lato, si occupa dei fenomeni che accadono su scala estremamente ridotta, come un milionesimo di milionesimo di centimetro. Sfortunatamente, però, sappiamo che queste due teorie sono in contraddizione tra loro e non possono quindi essere entrambe corrette. Uno dei più grandi sforzi della fisica odierna (che è anche l’argomento principale di questo libro) è quello della ricerca di una nuova teoria che le includa entrambe: una teoria quantistica della gravità. Noi non possediamo ancora una tale teoria, e può darsi che debba passare ancora molto tempo prima che venga scoperta, ma conosciamo già parecchie delle proprietà che essa dovrebbe avere. 

 

(continua cliccando sull'immagine)

 


rappresentazione “artistica” di un fotone

Paolo Giovanetti,

un caro amico nostro oltre che “Amico di Todeschini”, ci ha onorato di farci partecipi di un suo apprezzabilissimo lavoro dal titolo “Teoria dei Vortici Sferici”, nel quale unisce il suo non comune sapere scientifico e filosofico ad una sorprendente capacità di illustrare, sia con il testo ma soprattutto con le immagini, una sua originale teoria cosmogonica.

 

E’ con grande piacere che segnaliamo questo testo, che potrete reperire e acquistare in rete, certi che lo troverete, per la sua particolarissima impostazione, di piacevole lettura oltre che interessante dal punto di vista scientifico.

 

  (Cliccare sulla copertina)

(rappresentazione “artistica” di un fotone)


FILMATO DELLA RELAZIONE DEL CIRCOLO

ALLA CONFERENZA DI CATANIA

 "OLTRE I LIMITI DELL'UOMO"

 

03 LUGLIO 2016

 

(cliccare sulla locandina)


MARCO TODESCHINI - Tra Fisica e Metafisica

di FIORENZO ZAMPIERI

VERSIONE EBOOK - PER SCARICARLO DIGITARE SUL VOSTRO BROWSER PREFERITO:

"MARCO TODESCHINI TRA FISICA E METAFISICA"



PER CONOSCERE TODESCHINI

apri i cassetti....


LIBRI su MARCO TODESCHINI

Per ottenere maggiori informazioni

è necessario inviare una mail all'indirizzo di posta del Circolo:

staff@circolotodeschini.com

 




Il libro "Marco Todeschini" di Fiorenzo Zampieri. Clicca sulla copertina e vai al sito  dell'editore.