BLOG DEL CIRCOLO

E' un luogo di interazione, un modo per stare (virtualmente) insieme e per esprimere liberamente la propria creatività, la propria opinione sulla Psicobiofisica e sui più svariati argomenti.

Grazie quindi a chi vorrà partecipare attivamente a questa piccola tavola rotonda.

(Per leggere i commenti dei lettori e postare i propri, cliccare sul titolo: "BLOG DEL CIRCOLO") 

Scrivi commento

Commenti: 21
  • #1

    Marco (sabato, 27 novembre 2010 10:03)

    Una possibile legge fisica che spiega l'interazione tra pensiero e materia....

  • #2

    Arturo (sabato, 19 marzo 2011 00:12)

    molto interessante ed elegante la dimostrazione dell'interpretazione della massa come spazio fluido in movimento a partire dall'equazione di bernulli.I miei professori sono rimasti impressionati e alquanto perplessi...

  • #3

    Andrea (martedì, 19 aprile 2011 09:42)

    Buongiorno ,
    riguardo alla pranoterapia spiegata secondo la psicobiofisica: qualcuno sa come viene spiegato dalla psicobiofisica il procedimento di ''scarico '' delle energie sporche assorbite dal guaritore durante i trattamenti ?
    Quale ,se esiste ,testo del Todeschini affronta la questione in particolare ?
    grazie

  • #4

    arturo (venerdì, 20 maggio 2011 19:31)

    siccome non posso scrivere su wikipedia scrivo qui...ci sono molti filosofi dell'epistemologia postpositivista come lakatos,feyerabend e altri che sostenevano che un sistema di ricerca non può essere valido per sempre e che ci dovranno essere sempre altre teorie,anche se non riconosciute, che procedono con metodi diversi,poiché nel momento in cui la ricerca del metodo riconosciuto si sterilizza subentra la teoria col metodo nuovo,inoltre non può e non deve esserci un unico metodo di ricerca dato che moltissime delle scoperte scientifiche vengono da impulsi spirituali metafisici e religiosi,principali oggetti della ricerca umana,che l'uomo vuole provare scientificamente, e anche se non arriva alla verità ci si avvicina...Marco Todeschini era uno scienziato che ricercava la verità proprio come tutti gli altri,anche se con metodi non ortodossi,e per questo non può essere considerato meno importante degli altri nella storia della scienza.Grazie

  • #5

    Fiorenzo (sabato, 21 maggio 2011 20:10)

    Carissimo Arturo, condivido senz'altro quanto scrivi e mi fa piacere sapere che ci sono persone come te che hanno capacità di critica rispetto al sistema di approccio usualmente adottato dal mondo accademico verso la Conoscenza del Creato.
    Grazie

  • #6

    andrea (martedì, 21 giugno 2011 12:21)

    Buongiorno ,
    vorrei dire una cosa a riguardo di quanto osservato dal sig. Arturo.Premetto che e' una mia osservazione , senza intento polemico . Non comprendo quando si dice che Todeschini cercava la verita' come gli altri "anche se con metodi non ortodossi" ;potrei sapere quali sono le sue indagini non ortodosse? Forse cio' che racchiude la sua teoria ,che teoria non e' piu' poiche' si basa su leggi comprovate e comprovabili ,non e' ortodossa ; forse il fatto di essere arrivato a provare (sperimentalmente oltre che scientificamente) l'esistenza dell'etere e delle sue dinamiche non e' ortodosso ; certamente il fatto di aver trattato spiritualita',anima e realta' immateriali con rigore scientifico (oltre che rispetto umano ) e di aver dato la possibilita' di affrontare tali questioni senza fede cieca o misticismi di alcun tipo , ne' tantomeno con scetticismo e disdegno tipici di un certo tipo di accademia scientifica , tutto cio ' e' senz'altro non ortodosso e anzi rivoluzionario se vogliamo .
    Ma il metodo di ricerca no .Quello mi pare assolutamente un metodo scientifico ortodosso ,serio , rigoroso , accurato , che affonda le sue radici nella 'scientificita' intesa da Galileo ,che deve essere comprovata sperimentalmente oltre che sintetizzabile in formule e leggi e che che nega a priori ogni tipo di 'magia'.
    Basta leggere 'Teoria delle Apparenze ' e 'Psicobiofisica' per comprendere immediatamente che non una parola e' stata da lui prima soppesata , misurata , certificata , prima di essere messa per iscritto; immediatamente si vede come abbia ripercorso millenni di civilizzazione mondiale per questionare e ponderare lui stesso annose problematiche scientifiche ed umane che dai Pre Socratici ,ai pensatori Cristiani , agli Illuministi agli scienziati moderni hanno sempre accompagnato lo sviluppo della Conoscenza.
    Con atteggiamento critico e rispettoso non ha temuto opporsi a giudizi errati dati dai suoi colleghi o predecessori e allo stesso modo senza timore o imbarazzo ha accettato tutti gli spunti e le informazioni che si fossero dimostrate scientifiche ed oggettivamente corrette .

    Per concludere quello di Todeschini e' stato un metodo assolutamente ortodosso e ,a parer mio ,e' l'unico metodo di indagine che deve valere per una ricerca scevra di ogni preconcetto e non timorosa di uscire dal solco tracciato dai 'maestri'.

    Todeschini era(e rimane ) invece un Maestro.
    grazie

  • #7

    arturo (sabato, 02 luglio 2011 17:24)

    Hai assolutamente ragione,se non per il fatto,che la concezione di "ricerca" di galilei è stata abbandonata dalla fisica moderna,infatti, non da troppo tempo, la ricerca scientifica non si bassa più sullo spiegare i meccanismi intrinsechi, ma solo sulla loro descrizione quantitativa,ovvero si vogliono trovare le leggi che regolano i fenomeni per poter fare delle previsioni su di essi,Todeschini invece,oltre a fare questo spiega anche il meccanismo che muove l'universo e fa quindi una cosa in più rispetto a molti altri scienziati,che invece per far quadrare le leggi fanno assunzioni che paiono ai miei occhi assurde...intendevo quello.
    Secondo io ho riprodotto il genegravimetro di cui vi mando subito il link http://www.youtube.com/watch?v=IS0k7KmaZwc..per calcolare la forza ho considerato la resistenza dell'acqua come quella di una molla che varia secondo la relazione F=kx,dove k è una costante e x è lo spostamento della sfera,poi ho notato che x varia come 1/r^2,quindi sostituendo si ricava la relazione F=k/r^2,che è analoga alla forza di newton e a quella di coulomb,infatti il prodotto delle cariche per una costante o il prodotto di masse per una costante,sono costanti e possono essere sostituiti a k

  • #8

    andrea (giovedì, 07 luglio 2011 03:43)

    Infatti , Arturo, giusta precisazione la tua.
    Purtroppo non posso vedere il link che hai mandato anche se sarebbe molto interessante .
    Provero' ancora .

    grazie , arrivederci

  • #9

    Staff del Circolo di Psicobiofisica (domenica, 10 luglio 2011 01:45)

    Caro Andrea, il link menzionato è oggi visibile nel sito.
    Un grazie e un cordiale saluto.
    Lo Staff del Circolo.

  • #10

    andrea (mercoledì, 07 dicembre 2011 10:41)

    Ciao a tutti
    grazie ad Arturo per essersi preso la briga di riprodurre l'esperimento dell'Ing. Todeschini ed un ringraziamento allo staff del circolo per averlo reso disponibile sul sito .
    Con questo un esperimento finalmente si ha la comodita' dell'approccio visivo per comprendere la fluido dinamica universale ed in piu' -essendo suffragato da leggi fisico matematiche che ripetono i risultati famosi di Newton e Coulomb-adesso abbiamo a disposizione un modo semplice, veloce , efficace e completo per stroncare sul nascere ogni critica di 'antiscientificita'' mossa spesso verso tutti coloro che tentano di imbastire in maniera seria ed obiettiva un discorso sulla Psicobiofisica con persone che non la conoscono .

    Qualcuno ha notato che spesso chi non conosce Todeschini mette subito le mani avanti con : ah ! ma tu vuoi fare il ribelle e screditare Newton,Einstein...come se fossi un pazzo od uno sbruffone ; e provaci a spiegargli che non si tratta di voler dare dell'impostore o dell' ignorante a due Menti come quelle ,ma solo di dare alle loro ricerche e leggi il giusto e sensato valore fisico che hanno ( la validita' matematica e' gia' data per scontata ) .
    Una fatica incredibile ...
    Ma anche questa e' la forza straordinaria di questa Teoria , la comprensione ( che comprende, che accetta) CRITICA ed il rispetto del lavoro delle menti illustri .

    ciao

  • #11

    dino d'alessandro (venerdì, 06 gennaio 2012 16:31)

    ...Todeschini è stato un bravo ed onesto scienziato, molto più di tanti suoi colleghi che risultano più famosi senza aver mai detto o fatto nulla di speciale... Todeschini era sulla strada giusta e se la scienza ufficiale non l'avesse osteggiato in modo così palese, il suo contributo scientifico sarebbe stato di ben altro spessore... Wikipedia dipende troppo dalle donazioni ed in un campo strategico come la scienza chiude un occhio al 'potere' pur di esistere e ricevere generose donazioni, il potere affossa tutto ciò che potrebbe mettere in discussione il potere stesso... Todeschini ed i suoi studi inevitabilmente approdavano verso il concetto di 'energia'deragliato da Einstein per conto dei poteri forti... su questo non vogliono intrusioni... io con i miei studi sono ben oltre Todeschini, non è arroganza ma dati scientifici alla mano Y=V*F... questa è la formula con cui ha avuto origine l'energia e come si diffonde nell'arredo dell'universo... la mia formula è in grado facilmente di rendere possibile ciò che la scienza ufficiale ci impone di considerare impossibile... sono un autodidatta e studio fisica per pura passione... sono giunto a questa formula in grado di permettere un incredibile salto evolutivo a l'intera umanità... presto farò 'scacco matto' ai potenti di turno... ciaodino

  • #12

    Emanuele (giovedì, 04 ottobre 2012 13:20)

    Vorrei sapere come fare per avere il libro "Teoria delle Apparenze" ?

  • #13

    Staff del Circolo (mercoledì, 17 ottobre 2012 22:33)

    Carissimo e gentilissimo Emanuele,
    per la tua cortese richiesta ti invitiamo ad inviare una mail al seguente indirizzo di posta elettronica: fiorenzo.zampieri@circolotodeschini.com
    Grazie e a presto!

  • #14

    Indaco (mercoledì, 06 marzo 2013 13:40)

    Premetto che non sono né un matematico né un fisico, ma un semplice cultore di filosofia.
    Presento un paio di domande che mi sono poste leggendo il libro su Todeschini del prof. Massimo Teodorani e testi dello stesso Todeschini reperiti in rete:
    Ritenete possibile fare una ipotesi sul diametro delle sferette che costituiscono l’etere (almeno come ordine di grandezza); o esse vanno considerate, in senso proprio, infinitesime?
    Pensate sia possibile valutare (anche solo come ordine di grandezza) le condizioni di temperatura e pressione all’interno del nucleo dell’atomo di Todeschini (quello che gira su se stesso a velocità c )?
    Ringrazio fin d’ora chi avrà la cortesia di rispondermi.

  • #15

    Indaco (mercoledì, 06 marzo 2013 13:46)

    Chiedo scusa il messaggio precedente riporta "velocità c", intendevo c 1,41.

  • #16

    Staff del Circolo (domenica, 10 marzo 2013 08:18)

    Carissimo Indaco grazie per il tuo interesse per Todeschini e le sue teorie. Le domande che poni sono a dir poco impegnative. Nei suoi testi Todeschini non “misura” l’ultimo costituente dell’etere e non afferma essere esso una “sferetta” sebbene tutte le particelle costituenti l’atomo si afferma che lo siano.
    C’è un testo interessantissimo del col. Borgognone, amico e collaboratore del Todeschini, dal titolo “La realtà fisica dei fenomeni elettrici, magnetici, luminosi” che descrive la struttura dell’etere nel modo che trovi illustrato qui sotto.
    Per quanto riguarda la seconda domanda non trovo nei testi di Todeschini i valori di temperatura e pressione che tu chiedi.
    Potrebbe essere uno spunto di ricerca molto interessante da suggerire a chi meglio di noi si destreggia con le leggi della fisica.

  • #17

    Indaco (venerdì, 15 marzo 2013 18:13)

    Grazie delle notizie! (natiuralmente bisogna che chi si destreggia bene con le leggi della fisica venga a sapere qualcosa su Todeschini).

  • #18

    Vincenzo (mercoledì, 13 novembre 2013 16:09)

    Caro Indaco,
    "le condizioni di temperatura e pressione all’interno del nucleo dell’atomo di Todeschini (quello che gira su se stesso a velocità c )?" sono chiaramente problemi di Termodinamica dei fluidi sottoposti non solo alle velocità supersoniche, che è già una divisione dell'Aerodinamica (sub e super sonica), ma addirittura è una branca della Fluidodinamica a velocità superluminose, cosa questa che l'attuale fisica dei colletti "imbiancati" ancora non crede sia possibile, ma il Todeschini ha dimostrato proprio il contrario!
    Leggi bene "La Teoria delle Apparenze" e te ne renderai conto subito!
    Salutoni
    Vinc

  • #19

    Gianluca (martedì, 04 marzo 2014 15:47)

    salve sono un ragazzo iscritto ad ingegneria e laureando. Nella mia tesi vorrei affrontare argomenti poco "accademici" come quelli trattati da Todeschini (ma anche da altri). Conoscete di ricercatori che a livello nazionale o internazionale si dedicano a ciò? Me li potreste segnalare?

  • #20

    pincopallino (sabato, 13 febbraio 2016 14:39)

    Salve,
    qualcuno ha provato a spiegarsi le onde gravitazionali mediante la teoria di todeschini? a mio parere potrebbe essere vista come un'onda scalare di pressione dovuta alla terza componente della forza fluidodinamica dovuta a sua volta all'effetto magnus (le altre 2 componenti sono le onde elettromagnetiche). Poichè l'etere è assai poco viscoco tale onda è molto piccola e quindi fino a pochi giorni fa non era ancora stato possibile rilevarla. Voi cosa ne pensate?

  • #21

    Ciao,sono luigi (giovedì, 15 giugno 2017 11:02)

    Buongiorno. Dopo aver passato in rassegna gli articoli di Todeschini, mi sono reso conto di quanto è meravigliosa la sua visione. ESSERI del suo calibro risentono del ritardo culturale che purtroppo serpeggia nelle menti comuni. Sicuramente le sue osservazioni sono molto al di sopra della visuale accademica. Ma penso che non può essere casuale il suo lavoro e ciò che ne ha ricavato. Come non è un caso che solo pochi riescono, e ancora, la pressione enorme deliberatamente esercitata per non sapere e capire ,ha sempre permeato e depistato i tentativi dell'Uomo di comprendere la sua natura. OVVIAMENTE ALTRI uomini hanno esercitato la loro influenza sull'Umanità ,ed avendo osato fare ciò hanno pagato caro la loro integrità . Todeschini è stato "emarginato" perché è andato fuori controllo dai piani perversi in cui la schiavitù spirituale impera. Grazie ,ti ringrazio come anima consapevole di essere tale, e questo mi garantisce di rivederti cara anima molto responsabile. Luigi.

NEWSLETTER DEL CIRCOLO

Entra nel Circolo è gratis e potrai proporre contenuti ed attività e sarai sempre informato sulle novità inserite.

Iscriviti gratis al Circolo

* I TUOI DATI

VISUALIZZA I CONTENUTI DEL 2° CONVEGNO DEL CIRCOLO!


Nella sezione "Video e Audio"

la trascrizione fedele della relazione


NOSTRA AUDIO INTERVISTA CON ANTONELLA TODESCHINI

Sezione "Video e Audio"....

Piero Zorzi e Omero Speri accanto al loro “maestro”, il prof. Marco Todeschini
Piero Zorzi e Omero Speri accanto al loro “maestro”, il prof. Marco Todeschini

 

Nel 20° anno dalla sua scomparsa:
OMERO SPERI

----------------------------------

SCIENZIATO
SCOPRITORE NEL 1974
ASSIEME A PIERO ZORZI
DELLA “FUSIONE FREDDA”

 

Pensiamo di fare cosa senz’altro gradita nel ricordare, pubblicando quanto segue, a chi ricorda ed anche a chi non ha avuto occasione di conoscerlo, (scarica l'inserto)

UNIWAVE

"Risintonizza la Tua salute"

Le teorie Todeschiniane

come mezzo al servizio

del benessere.

(Riceviamo e volentieri diffondiamo)

Clicca sull'immagine e leggi...
Clicca sull'immagine e leggi...

SITO DEGNO DI NOTA!

Un grande "Amico di Todeschini", Michele Leonardi, ha regalato a tutti noi questo importante contributo di divulgazione che invitiamo caldamente a visitare....


clicca sull'immagine
clicca sull'immagine

Nostra azione di protesta

contro Wikipedia.

Vai  su: "Wikimpediamo".

 

GRAZIE AL...


TRANSLATE SITE





Free counters!

Codice QR del sito